Seguici su:
Associazione Ipertensione Polmonare Italiana onlus
insieme per combattere una malattia che toglie il respiro...

Per informazioni

Presidente
Dott. Leonardo Radicchi
Via della Spiga, 10
06135 Ponte S. Giovanni (Perugia)
cell.: 392 5003184
mail: presidente@aipiitalia.it

Vice presidente
Dott.ssa Claudia Bertini
Via Piave, 73
20010 Bareggio (Milano)
cell.: 338 3021382
mail: vice-presidente@aipiitalia.it

Segretaria
Marzia Predieri
Via Andrea Costa 141
40134 Bologna
cell.: 347.7617728 – ore pasti
mail: marzia.predieri.1@gmail.com

La diagnosi di Ipertensione Polmonare

La diagnosi precoce è importantissima e permette di migliorare notevolmente la prognosi e la qualità della vita dei pazienti affetti da IAP. I principali strumenti diagnostici nella valutazione del soggetto con sospetta IAP sono i seguenti:

Elettrocardiogramma

Elettrocardiogramma

L’elettrocardiogramma è un’indagine non invasiva che si effettua in ambulatorio. Alcuni elettrodi applicati al torace e alle estremità del paziente registrano l’attività elettrica del cuore e permettono di documentare la presenza di alterazioni cardiache strutturali come l’ipertrofia e il sovraccarico del ventricolodestro.

Raggi X torace

Raggi X torace

La radiografia del torace permette di documentare l’aumento delle dimensioni del cuore (cardiomegalia) e la dilatazione dei rami principali dell’arteria polmonare associate a una ridotta vascolarizzazione dei campi polmonari periferici dovuta alla riduzione di calibro delle arteriole polmonari (aspetto ad albero potato). È un esame non invasivo che si effettua in ospedale o in studi radiologici.

Ecocardiogramma

Ecocardiogramma

L’ecocardiogramma è un’indagine non invasiva che si effettua in ambulatorio. Il paziente è disteso sul fianco sinistro mentre l’operatore gli passa un trasduttore a ultrasuoni sul petto.
L’ecocardiogramma permette una visualizzazione molto accurata del cuore e consente di documentare le alterazioni morfologiche e strutturali del cuore che si realizzano come conseguenza dell’aumento dei valori di pressione polmonare e che sono rappresentate da:

  • dilatazione dell’atrio e del ventricolo destro;
  • aumento di spessore del ventricolo destro;alterato movimento del setto interventricolare;
  • riduzione del volume del ventricolo sinistro;
  • dilatazione dell’anello della valvola tricuspide e distorsione dell’apparato sottovalvolare che determinano l’insufficienza tricuspidalica;
  • presenza di versamento pericardico e dilatazione della vena cava inferiore (indicativi di scompenso cardiaco).

Inoltre, con la metodica Doppler è possibile avere una stima attendibile dei valori di pressione sistolica in arteria polmonare.
L’ecocardiogramma consente infine di identificare le forme di IAP associate a cardiopatie congenite (Classe 1) e alcune forme della Classe 2 (malattie del cuore sinistro).
L’elettrocardiogramma e la radiografia del torace possono essere pressoché normali nelle fasi iniziali della malattia. L’ecocardiogramma è quindi lo strumento diagnostico più utile per stabilire la diagnosi di IAP.

AIPI Associazione Ipertensione Polmonare Italiana Onlus, Via Andrea Costa, 141 – 40134 Bologna © 2003 - 2018 - presidente@aipiitalia.it - Cookie policy powered by PaperPlane