Seguici su:
Associazione Ipertensione Polmonare Italiana onlus
insieme per combattere una malattia che toglie il respiro...

Per informazioni

Presidente
Dott. Leonardo Radicchi
Via della Spiga, 10
06135 Ponte S. Giovanni (Perugia)
cell.: 392 5003184
mail: presidente@aipiitalia.it

Vice presidente
Dott.ssa Claudia Bertini
Via Piave, 73
20010 Bareggio (Milano)
cell.: 338 3021382
mail: vice-presidente@aipiitalia.it

Segretaria
Marzia Predieri
Via Andrea Costa 141
40134 Bologna
cell.: 347.7617728 – ore pasti
mail: marzia.predieri.1@gmail.com

La funzione del cuore nella circolazione polmonare

L’IAP è una malattia dei polmoni che provoca grave affaticamento per il cuore e può portare a scompenso cardiaco. Per capire meglio il perchè è utile fare una breve descrizione della normale interazione tra cuore e circolazione polmonare.La circolazione polmonare permette l’ossigenazione del sangue. Il cuore funge da “pompa” e spinge il sangue venoso nei polmoni:

  • il sangue venoso arriva dai vari organi del corpo nella parte destra del cuore;
  • dalla parte destra e più precisamente dal ventricolo destro del cuore il sangue viene pompato nei polmoni attraverso l’arteria polmonare;
  • all’interno dei polmoni avviene un processo di scambi gassosi attraverso il quale il sangue viene arricchito di ossigeno;
  • il sangue ossigenato ritorna nella parte sinistra del cuore e da lì riparte per raggiungere e alimentare i vari organi del corpo.

La circolazione polmonare delle persone affette da IAP è caratterizzata da lesioni strutturali che tendono a restringere e a ostruire il lume dei vasi.
Le conseguenze di queste alterazioni dei vasi polmonari sono:

  • il ventricolo destro incontra resistenza nel pompare il sangue venoso nei polmoni;
  • il costante sovraccarico di lavoro sostenuto provoca “affaticamento” del ventricolo destro che, per compensare (cioè per diventare più efficiente), si ipertrofizza e si dilata;
  • questi meccanismi di compenso permettono al ventricolo di mantenere una funzione soddisfacente per un periodo limitato;
  • con il passare del tempo il ventricolo destro perde progressivamente la sua efficienza e non riesce più a pompare una quantità sufficiente di sangue nei polmoni.

La compromissione della funzione del ventricolo destro legata all’esaurimento dei meccanismi di compenso (definita appunto scompenso cardiaco) determina:

  • aumento del sangue che ristagna nel ventricolo e nelle vene; ciò favorisce lo sviluppo degli edemi e dell’ascite;
  • riduzione della portata cardiaca, responsabile di una minor perfusione degli organi del corpo. È chiaro che la capacità di compenso del ventricolo destro rappresenta il fattore che determina lo sviluppo dei sintomi e la prognosi dei pazienti con IAP.
AIPI Associazione Ipertensione Polmonare Italiana Onlus, Via Enrico Mattei, 92 - 40138 Bologna © 2003 - 2018 - presidente@aipiitalia.it - Cookie policy powered by PaperPlane